Fabrizio Fiumi

Scopro solo ora…
Che tristezza, 😦 se ne va un pezzo importante della mia vita lavorativa;
Fabrizio e la moglie Terry hanno creduto in me, affidandomi non solo i sottotitoli
per le compagnie più prestigiose, ma anche da fare loro da Local Liason a Roma.

Grazie per aver creduto in me, grazie per aver lodato la mia amatriciana che amavi, grazie per il codino e le camicie svolazzanti! RIP.

FabrizioFiumihttp://www.quotidiano.net/necro/ann/FIUMI%20FABRIZIO/

http://titlexfabriziofiumi.com/

http://www.gonews.it/articolo_218448_Se-ne-va-Fabrizio-Fiumi-architetto-ed-esponente-del-gruppo-9999.html

http://www.lanazione.it/firenze/cultura/2013/08/28/941212-fiumi-architetto-morto.shtml

Letture estive

(e giusto una che m’abbia fatto esclamare “10 e lode!”)

Carol O’Connell: La strada delle anime perse
(egregia traduzione di Maria Clara Pasetti).
Abbiamo iniziato bene, molto bene; (Kathy) Mallory è un’eroina diversa, ma tostissima, e come dice Carlo Lucarelli;
“Le parole della O’Connell sono lucide e affilate come un bisturi.”
La trama si snoda lungo la mitica Route 66, ma il serial killer che si accanisce sui bambini mi mette un magone… Ma almeno viene svelato finalmente qualcosa del mistero di Cassandra e Peyton 😉
Voto: 9
Adatto a chi: ama i gialli americani.

Massimo Lugli; La lama del rasoio.
L’investigatore Mastrantonio, funzionario della Mobile di Roma e in perenne conflitto col capo e coi colleghi. Lo leggi e pensi all’ispettore Coliandro e a La Squadra. L’autore è inviato speciale per la cronaca nera da quasi quarant’anni per il quotidiano La Repubblica e difatti la sua scrittura è pressoché esente da difetti (è anche stato finalista al Premio Strega). A tratti però la trama è leggermente banale e… il libro è troppo corto! 😀
Voto: 8,5
Adatto a chi: ama il giallo italiano

Gianluca Gemelli: Erba Alta.
Un libro per ragazzi (rubato a mio figlio, a cui è piaciuto moltissimo).
L’autore scrive in modo molto fluido e veritiero, emerge la nostalgia dell’adolescenza e della dolcezza dei ricordi estivi. Unico neo due-tre sbavature/incongruenze (tipo: a pagina 9, i due figli di Attilio risultano “abbastanza insopportabili”, mentre a pagina 33 invece “erano simpatici”, ma “impossibile entrarci in sintonia” o il lupo sempre a pag. 33, “stecchito, ma ancora digrignante”) e a mio modesto avviso, la nonna meritava decisamente più spazio! Vi sono scene degne del miglior film dell’orrore su al cimitero, la descrizione della prima cotta di Giampa suscita molta tenerezza così come il suo non essere visto dal padre. E chi di voi, da teenager, si è sempre sentito all’altezza della situazione con gli amici o con gli esponenti dell’altro sesso? 😉
Voto: 8+ (e non fosse stato per le, a dire il vero, poche incongruenze) sarebbe stato un 9 pieno, perché dà molti spunti di riflessione su come si cresce, non solo ieri, ma anche al giorno di oggi.
Adatto a chi: l’adolescenza l’ha passata, ma non dimenticata, ai ragazzi a cui piacciono i gialli.

Åsa Larsson: Finché sarà passata la tua ira.
Tra i migliori autori del thriller scandinavo, Åsa Larsson viene egregiamente tradotta da Katia De Marco (un nome, una garanzia). Il libro è a tratti abbastanza macabro, ma mi ci sono sentita particolarmente legata perché evoca la mia infanzia: è ambientato a Kiruna, nel nord della Svezia, collegata con la mia città natia Narvik dal treno (ed essendo figlia di un ferroviere, capirete che sono cresciuta lungo la tratta). Soprattutto, l’autrice sa come tenerti incollata al libro senza poter fare la benché minima pausa per paura di perdere un passo!
Voto: 10 e lode
(se fosse stato ambientato altrove, lo ammetto, sarebbe stato un dieci meno) 😉
Adatto a chi: ama il thriller scandinavo, a chi non ha paura del buio.

James Rollins: due libri, faccio fatica a ricordare i titoli, avendoli già regalati.
Il teschio sacro (voto: 6 e mezzo); adatto a chi: ama avere il testosterone alto, a chi ama Clive Cussler.
L’ombra del re (voto 7 e mezzo); adatto a chi: ragazzi/adolescenti. Non malaccio. Un mondo fantastico.

John Grisham: Innocente
Il libro racconta una storia vera: Ron Williamson, ex promessa del baseball viene travolto e coinvolto ingiustamente dalle autorità giudiziarie fino ad arrivare a un passo della morte: si mette in discussione l’intero sistema legale americano, con le sue umani debolezze.
Voto: 9+, molto avvincente.
Adatto a chi: Pensa che l’America stia bene dove sta, a chi è contrario alla pena di morte.

Andrea Camilleri: Il Diavolo tentatore:
Probabilmente l’ho compreso solo all’86% e questo influisce sul voto finale: non parlo siculo e per capire molti passi, li ho dovuto pronunciare ad alta voce. Ma effettivamente l’autore del Commissario Montalbano ha molte frecce al suo arco; di solito scrive perché ha una bella storia da raccontarti.
Voto: 6,5
Adatto a chi: è di madrelingua italiana.

Seguito da una montagna di riviste norvegesi, con novelle e articoli vari.
E, udite, udite, anche qualche telefilm poliziesco tedesco! Last Cop.

Sulla scia dell’entusiasmo per il primo libro, oggi ho comprato l’e-story di
Gianluca Gemelli; Le incredibili avventure di Gonzo Bislacchi, uomo virtuale
che parla del phishing, ma la recensione è mista: vi sono le parti bellissime nate dalla penna magica dell’autore: il primo capitolo “Siamo amici” è un’autentica perla, da dieci e lode!; mi sono spanciata dalle risate: uno spaccato della reale vita virtuale; dal cognato cafone (a proposito!) alla dipendenza patologica dal telefonino, l’e-mail e compagnia bella. Però la troppo dettagliata corrispondenza con WBG prima e le “signorine” poi (l’arcinoto scam nigeriano) tende ad annoiare, benché fortunatamente e opportunamente inframezzata dalle battute dell’autore (altrimenti lo mettevo via) e dalle missive del Povero Babbeo Bizzari, pardon, Gonzo. L’ultimo capitolo; “Sparate a Vista” è di nuovo degno della brillantezza già mostrata in altre occasioni dello scrittore. Se dovessi valutare la scrittura tolte le (troppe) e-mail:
Voto: 9 (servirebbe giusto un’attenta rilettura di un revisore scassaquindici quanto basta), ma il “carteggio” è tedioso, per cui…
Voto: 7, forse anche condizionato dal fatto di aver letto il mio primo racconto in formato elettronico.

Persino Stephen King (attaccherò In the Tall Grass prossimamente) ha capito che è tutt’altra cosa sentire il fruscio della carta tra le mani, e poi io adoro leggere a letto, ma ci vedrei piuttosto scomodo, un Kindle nel lettone, già vi si intrufolano die Kinder 🙂

Poi una d’estate mica può solo leggere; c’è da farsi il bagno, curare due pargoli, ciaccolare con le amiche, la Settimana Enigmistica e tanti pensieri che girano vorticosamente in testa e ogni tanto atterranno e ti atterriscono. Chissà Sara come sta, chissà se Susanne è serena dov’è. La casa da mettere in ordine, i figli da “frustare” per invogliare loro a fare i compiti, i lavori di manutenzione, il disbrigo di pratiche burocratiche. L’onnipresente dilemma “che si mangia oggi?” 😀
Ah, ci sarebbero anche un po’ di traduzioni da fare 🙂

Ah, ps. I peggior lettori sono i traduttori; siamo pignoli fino all’inverosimile, lo so.
Non ci odiate.
“Il traduttore è con evidenza l’unico autentico lettore di un testo. Certo più d’ogni critico, forse più dello stesso autore. Poiché d’un testo il critico è solamente il corteggiatore volante, l’autore il padre e marito, mentre il traduttore è l’amante.”
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987.

Alessandro, Santo e Magno

Oggi è l’onomastico del cucciolo di casa; Alessandro. ♥
In verità, di Santi che portano questo nome, ce ne sono fin troppi;
ci sarebbe l’imbarazzo della scelta! 😉

AlessandroMagnoMonetaMa forse più di ogni altra cosa, pronunciando questo bellissimo nome, il secondo in Italia per diffusione (dopo Francesco), viene in mente il fiero condottiero e re macedone Alessandro il Grande anche noto come Alessandro il Conquistatore.

AlessandroMagnoSculturaProfilo AlessandroMagnoSculturaIntera

Grazie alle sue abilità da stratega creò un immenso impero; partendo dalla Macedonia e dalla Grecia, giunse ad abbracciare l’Egitto in Africa e in Asia fino al fiume Indo: si crearono nuovi legami tra i popoli soggetti e si intensificarono i contatti tra culture e civiltà diverse, estendendo enormemente l’influenza della civiltà greca.

~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~

~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~
Alessandro il Macedone ebbe la fortuna e l’onore di studiare sotto Aristotele.
Come molte altre figure storiche (Gesù, San Lorenzo, anche Alessandro Magno morì a soli 33 anni).

Anche Alessandro nostro è detto Magno: “Magno, avoja se magno!” ♥

Fonti:
Treccani
Wikipedia

AlessandroMagnoMoneteOro

La terrazza

Dopo due settimane fantastiche all’Elba…
StellaMarinaTiziano_320b

Finalmente un mese d’agosto a casa.
Grandi pulizie e manutenzioni: quest’anno un piccolo restyling alla terrazza:

Oltre al ripristino della guaina e riverniciatura dei muri (grande Tiziano!),
alcune piante nuove e intrecciatura delle medesime nelle griglie del pergolato,

30 metri quadrati ca. di travertino smerigliato & levigato;
prima mano con la carta vetrata 80, poi la 120, poi la 180
e per finire in bellezza: la 240 passata A  M A N O!!!

ps 1. mq reali: 30 (con 4 passaggi = 120). Percepiti: 300. Come minimo. 😛

ps 2. Almeno si lavora in costume e ci si abbronza. 🙂

ps 3. Però il lavoro manuale dà troppo tempo per pensare. 😦

MarmoPrima MarmoDurante MarmoDopo3295

Michael McDonald

Michael4Tento (impresa titanica) di fare una raccolta delle canzoni e laddove possibile,
dei video del grande Michael McDonald, vincitore di ben 5 Grammy Awards, soprannominato “il Re del soul bianco” (in inglese, letteralmente “soul-dagli-occhi-blu”, il che gli si addice doppiamente! :-)) nonché “gli occhi blu del soul”; voce baritonale, vellutata, intensa e inconfondibile! ♥ Michael McDonald è nato il 12 febbraio 1952 a St. Louis (città indipendente e gemellata con Bologna) nel Missouri ed è dotato di una voce talmente bella che potrebbe cantare anche l’elenco telefonico per quanto mi riguarda!

Dedico tutte queste bellissime canzoni d’amore al mio grande am♥re!

Di dischi da solista ne ha fatti tanti (non elenco quelli dei Dobbie Brothers):

*1982: That was then (The Early Recordings of Michael McDonald)
(tra cui troviamo “Drivin’ Wheel“, “Lord I Felt“, “It Don’t Matter Now“, “When I’m Home“, “I Think I Love You Again“”, “Melodic“, “Midnight Rider“, “Billy“, “Dear Me“, “Where Men Don’t Care“, “A Good Old Time Love Song” nonché “Here To Love You (raccolta di canzoni precedenti, per di più con the Doobie Brothers; tant’è che lui nemmeno ne fa menzione sul suo sito ufficiale) 🙂
ma una meritata menzione speciale va alla bellissima “What a Fool Believes

*1983: If That’s What it Takes (Spotify)

(meraviglioso duetto con le sorelle Kathy e Maureen, un’autentica perla
(che sguardo! benché si veda quant’è timido! ♥)
(c’è anche una versione “live” niente male, ma la vera chicca è la versione live di
I Keep Forgettin’ dell’87 con EmmyLou Harris, Chet Adkins and Mark Knopfler, ma andiamo per ordine: “Playin’ by the Rules“, “I Keep Forgettin’ (Every Time You’re Near)“, “Love Lies“, “I Gotta Try” (scritta con Kenny Loggins), “I Can Let Go Now“, “That’s Why“, If That’s What it Takes” (con Edgar Winter tastiera e sassofono), “No Such Luck“, “Losin’ End” e “Believe In It“,

*1985: No Lookin’ Back (Spotify)

L’album apre con “No Lookin’ Back” (usata in “Thelma & Louise”) (live), “Bad Times“, “(I’ll Be Your) Angel“, “By Heart“, “Any Foolish Thing“, “Our Love” (scritta per il film “No Mercy” con Richard Gere, dedicata alla moglie Amy Holland), “(I Hang) On Your Every Word“, “Lost in the Parade” (live), “Don’t Let Me Down“.

*1986: Sweet Freedom:
Sweet Freedom“, una delle mie canzoni preferite in assoluto, scritta per il film Una Perfetta Coppia di Svitati, e non manca mai di tirarmi su di morale, seguita dalla melodica “(I’ll Be Your) Angel“, la potentissima gospel “Yah Mo’ Be There (con James Ingram), (versione Studio con IL produttore Quincy Jones) (canzone valsa loro il prestigioso Grammy Award nell’85, sezione R&B), “I Gotta Try“, “I Keep Forgettin’ (Every Time You’re Near)“, “Our Love (remix)“, “I Can Let Go Now“.

*1987: Our Love (Remix Theme from No Mercy)

*1989: Take It To Heart (Spotify)

All we got” (House Remix!), “Get the word started“, “Love can break your heart” (diversa l’interpretazione del co-autore Paul Carrack), “Take It To Heart” (co-scritta con Diane Warren): una delle mie preferite anche per merito del video meraviglioso (poi lui qui, lo trovo ♥ bellissimo ♥), “Tear It Up” (video), “Lonely Talk“, “Searchin’ For Understanding“, “Homeboy“, “No amount of reason“, “One step away“, “You show me“.

*1990: Lonely Talk
Tear It Up“, “Plain of Jars“, “No amount of reason“, “You show me“, “All we got“, “Searchin’ For Understanding“, “Lonely Talk“, “Higher Ground” (con Stevie Wonder nell’album), “Love Can Break Your Heart“, “One step away“, “Homeboy“.

*1993: Blink Of An Eye (Spotify)
(non tanto timido in Svezia!, il ragazzo :-D)
I Stand for You“, “East of Eden“, “More to Us Than That“, “I Want You“, “No more prayin'”, “Matters of the heart“, “Hey girl“, poi live visto da suo figlio Dylan, “What Makes a Man Hold On“, “Blink of an eye“, “Everlasting“, “For a child“.

*2000: Blue Obsession (Spotify)
All I Need“, “No Love To Be Found“, “Obsession Blues”, “Where Would I Be Now”, “Build Upon It“, “The Meaning of Love“, “Open the Door“, “Kikwit Town”, “Down By the River“, “Someday You Will“, “Ain’t That Peculiar“*, “You Can’t Make It Love“.
*Così, en passant: Paul Carrack è il lead singer di Mike and the Mechanics, l’altra faccia dei ♥ Genesis

*2001:
Angels We Have Heard On High“, “To Make A Miracle“, “Children Go Where I Send Thee“, “Every Time Christmas Comes Around“, “Peace“, “White Christmas“, “One Gift” (con James Ingram), “On This Night”, “House Full Of Love“, “On Christmas Morning“, “World Out Of A Dream“.

*2001: The Very Best of Michael McDonald

No Lookin’ Back” (versione di Kenny Loggins), “I Keep Forgettin’ (Every Time You’re Near)“, “I Gotta Try“, “Our Love” (Theme From No Mercy) (Single Version)”, “Yah Mo B There” (con James Ingram), “On My Own” (con Patti LaBelle), “By Heart“, “Bad Times“, “Matters of the heart“, “Sweet Freedom“, “Get the word started“, “Any Foolish Thing“, “Take It To Heart“, “Higher Ground“, “Lost in the Parade“, “Blink of an eye“.

*2003: Motown (per cui riceve ben due Grammy Awards!) (Spotify)
(I) Heard It Through the Grapevine” (Marvin Gaye), “You Are Everything” (The Stylistics), “Signed, Sealed, Delivered” (Stevie Wonder), “I’m Gonna Make You Love Me” (DeeDee Warwick, bellissima la versione di Diana Ross & the Supremes and The Temptations), “Ain’t Nothin’ Like the Real Thing” (Marvin Gaye & Tammi Terrell, brano scritto da Ashford & Simpson), “Reflections” (Diana Ross & The Supremes), “How Sweet It Is (To Be Loved By You)” (Marvin Gaye), “Ain’t No Mountain High Enough” (Marvin Gaye & Tammi Terrell, sempre scritto da Ashford & Simpson), “All In Love Is Fair” (Stevie Wonder), “I Want You” (Marvin Gaye), “Distant Lover” (Marvin Gaye), “I Believe” (Stevie Wonder) , “Since I Lost My Baby” (The Temptations), “Too High” (Stevie Wonder).

*2004: Motown Two (Spotify)
You’re All I Need to Get By” (Marvin Gaye & Tammi Terrell), “I Was Made To Love Her” (Stevie Wonder), “Reach Out, I’ll Be There” (Four Tops), “Stop, Look, Listen (To Your Heart)” (Marvin Gaye & Diana Ross), “Baby I Need Your Lovin” (Four Tops), “Loving You Is Sweeter Than Ever” (Four Tops), “Tracks Of My Tears” (Smokey Robinson & The Miracles), “What’s Goin’ On” (Marvin Gaye), “Second That Emotion” (Smokey Robinson & The Miracles), “After The Dance” (Marvin Gaye), “Nowhere To Run” (Martha and the Vandellas), “Tuesday Heartbreak” (Stevie Wonder), “Mercy Mercy Me” (Marvin Gaye), “Baby I’m For Real” (The Originals).

*2005: Through the Many Winters (Spotify)
“Silent Night”, “O Holy Night,” “Come, O Come Emanuel/What Month Was Jesus Born” (Caribbean-styled medley), “Deck the Halls/Jingle Bells” (boogie-driven workout), “Wexford Carol” (lovely folkish duet with his wife Amy) “Through the Many Winters“, “God Rest Ye Merry Gentlemen“, “Christmas on the Bayou” (triumphant Cajun romp).

*2005: Ultimate Collection
Ain’t No Mountain High Enough“, “What A Fool Believes” (The Doobie Brothers), “I Keep Forgettin’ (Every Time You’re Near)“, “Yah Mo Be There” (con James Ingram), “Takin’ It To The Streets” (T.D.B.), “Sweet Freedom“, “Minute By Minute” (T.D.B.), “On my Own” (con Patti LaBelle), “You Belong To Me” (T.D.B.), “Real Love” (T.D.B.), “I Stand for You“, “It Keeps You Runnin’” (usata nel film Forrest Gump) (T.D.B.), “Take It To Heart“, “No Love To Be Found“, “I Gotta Try“, “No Lookin’ Back“, “Blink of an eye“, “Open the Door (Urban Remix)”, “Lost in the Parade“.

*2008: Soul Speak (Spotify) (con perle come “Walk On By” di Dionne Warvick e “Living for the City” di Stevie Wonder, che suona anche l’armonica), “Into The Mystic” di Van Morrison e “Baby Can I Change My Mind” di Tyrone Davis (soul di fine anni Sessanta) nonché “I Knew You Were Waiting (For Me)“, “Living For The City“, “Love T.K.O.“, “Walk On By”, “Still Not Over You (Getting Over Me)”, “For Once In My Life“, “Into The Mystic“, “Hallelujah“, “Enemy Within“, “(Your Love Keeps Lifting Me) Higher And Higher“, “Only God Can Help Me Now”, “Baby Can I Change My Mind“, “Redemption Song“, “You Don’t Know Me“.

*2009: A Tribute to Motown Live
I Second That Emotion“, “I Was Made To Love Her“, “What’s Goin’ On“, “(I) Heard It Through the Grapevine“, “All In Love Is Fair“, “Stop, Look, Listen (To Your Heart)“, “Baby, I’m for Real”, “Tracks Of My Tears“, “Since I Lost My Baby“, “Loving You Is Sweeter Than Ever“, “You’re All I Need to Get By“, “Ain’t No Mountain High Enough“, “Ain’t Nothin’ Like the Real Thing“, “Nowhere to Run”.

*2009: This Christmas (Spotify)
That’s What Christmas Means To Me“, “This Christmas”, “White Christmas/Winter Wonderland”, “Wexford Carol“, “God Rest Ye Merry Gentlemen“, “Peace“, “On This Night”, “Children Go Where I Send Thee“, “Every Time Christmas Comes Around“, “Come, O Come Emanuel/What Month Was Jesus Born”, “I’ll Be Home For Christmas“, “Have Yourself a Merry Little Christmas”.

*2010: esce “The Voice of Michael McDonald“, una compilazione dei grandi successi di The Doobie Brothers e Michael McDonald, nonché duetti con artisti vari.

*2013: Unfinished Business (EP con Robben Ford) (Spotify)
La Marea Humana“, “Judgement Day“, “Perfect Illusion”, “Long Haul”.
Famosissimi poi molti dei suoi duetti con colleghi altrettanto famosi quanto lui;
per il Re, anche un bel tris di regine del soul:

*1977: The Doobie Brothers: “You’re Made That Way
*1979: Christopher Cross; “Ride Like the Wind” (Spotify), qui un’altra versione (e una versione live con Michael a sorpresa) (CC è ancora più timido di M.McD.) ♥
*1979: Kenny Loggins; “This is it” (scritta per il padre morente di K.L.)
*1980: Nicolette Larson; “Let Me Go, Love
(sono sicura che ci sia il suo zampino dietro la felicissima unione canora di Patti LaBelle e James Ingram dell’81; “Baby, Come to Me“! Sensualissimi live)
*1982: Kenny Loggins; “Heart to Heart” (live)
*1983: Amy Holland; “You and I
*1983: James Ingram; “Yah Mo’ Be There (video ufficiale)
(versione Studio con il produttore Quincy Jones)
(canzone valsa loro il prestigioso Grammy Award nell’85, sezione R&B)
*1985: Dionne Warwick; “I’ll Never Love This Way Again/I Keep Forgetting
*1986: Patti LaBelle; “On my Own” (n° 1 U.S. charts)
*1986: Toto; “I’ll Be Over You
*1986: Dionne Warwick; “I Know I’ll Never Love This Way Again“/”I Keep Forgettin’
*1986: David Pack, James Ingram; “I Just Can’t Let Go
*1987: Larry Carlton; “Minute by Minute
*1987: The Winans; “Love Has No Color
*1988: Kenny Loggins; “Let’s Stay Together
*1991: Cristopher Cross; “Night Across the World
*1991: Aretha Franklin; “Ever Changing Times

*1991: Donald Fagen; “Lonely Teardrops
*1991: Donald Fagen; “Pretzel Logic
*1992: Kenny Loggins; “What a Fool Believes
(K.L. lo prende bonariamente in giro per la sua nota timidezza)
*1992: Chaka Khan: “Time to be Lovers
*1993: Pointer Sisters: “Don’t Walk Away” (backing vocals verso la fine)
*1994: Amy Holland; “All I Know
*1994: Vince Gill; “What Child is This?
*1996: James Ingram, David Pack; “Maria
*1998: Olivia Newton-John; “One Heart At A Time
*1998: Chaka Khan; “For Your Love
*1998: Rob MatheChristmas is Coming
*1999: Maire (Moya) Brennan; “Dont Give Up
*1999: Kathy Mattea; “Among the Missing” (dedicato ai bambini scomparsi)
*2000: Wendy Moten – “No love to be found
*2000: Edwin McCain; “Holy City
*2000: Tommy Sims; “All I Need
*2000: Jeff Bridges; “She Lay Her Whip Down
*2001: Chaka Khan; You Belong To Me
*2001?: The Doobie Brothers: “Minute by Minute
*2001?: The Doobie Brothers: “Takin’ it to the Streets
*2002: Norman Brown; “I Still Believe
*2002: John Miles (Night at the Proms); “Yah Mo’ B There
*2004: Ray Charles; “Hey Girl
*2004: Toni Braxton; “Stop, Look and Listen (to Your Heart)
*2005: Bernie Chiaravalle; “Where You Running
*2005: Wynonna Judd, Eric Benet, Terry Dexter; “Heart of America
*2006: Fourplay; “My Love’s Leaving
*2006: Trisha Yearwood; “I Still Believe In You
*2006: Steely Dan; “Show Biz Kids
*2006: Steely Dan; “Do It Again
*2006: Brian Culbertson; “All Through the Christmas Night
*2009: Billy Preston; “I Was Made To Love Her
*2009: Billy Preston; “Whats’ Goin’ On
*2009: India Arie; “You’re All I Need to Get By“/Nita Whitaker LaFontaine
*2009: West Angeles COGIC Mass Choir; “Storm Before the Calm
*2009: Grizzly Bear; “While You Wait for the Others
*2010: Safri Duo: “Sweet Freedom
*2010: Holy Ghost; backing vocals in “Some Children” (synth pop)
*2011: The Doobie Brothers; “Far From Home
*2013: Paul Anka & George Benson: “Walk a Fine Line
*2013: Drea Rhenee Merritt; “Ain’t Nothin’ Like the Real Thing” (14.06.13)

Curiosità:
Una mini-serie TV “What’s Happening – Doobie or not Doobie”
in 5 parti (siamo nei primi anni Settanta):
What’s Happening – Doobie or not Doobie Part 1 of 5
What’s Happening – Doobie or not Doobie Part 2 of 5
What’s Happening – Doobie or not Doobie Part 3 of 5
What’s Happening – Doobie or not Doobie Part 4 of 5
What’s Happening – Doobie or not Doobie Part 5 of 5
Nell’84 esegue il soundtrack finale We Got More Than We Need del film Crackers, ma il brano stranamente non verrà mai pubblicato, eppure è bellissimo. ♥
Nel ’93 fa suo anche “When a Man Loves a Woman” in Svezia.
*1993: “Christmas Time is Near
Warren G. fa un remix; Regulate e ottiene un enorme successo nel 1994.
Black Water“: Doobie Brothers Live Concert
Nel 1999 canta il soundtrack The Eyes Of A Child di South Park.
Nel 2003 riceve una stella sul St. Louis Walk of Fame.
Nel 2009 prende parte nella sitcom “30 Rock“, nella finale di stagione, per beneficenza, insieme a Elvis Costello, Mary J. Blige, Wyclef Jean ecc.
Canta nella finale di American Idol 2010; “Takin’ It To The Streets“.
Questa l’ha scritta per sua figlia; “When Scarlett Smiles
(2008, per l’album Golden Slumbers: a Father’s Love). Disclaimer per il video 🙂
Viene chiamato a cantare l’inno nazionale americano in varie occasioni seguitissime negli Stati Uniti, tipo al Fiesta Bowl e alla finale NBA del 2011.
13.03.13: 3 volte Michael McDonald nel popolarissimo brano per bambini “Row, Row, Row Your Boat” 😀 e dimostra una buona dose di auto-ironia e voglia di stare al gioco!
Michael è, a ragione, considerato una leggenda vivente.
E’ peraltro molto impegnato nel sociale: Our Thrift Store, WhyHunger, The Hunger Games, Cancer Prevention Institute of California,
E tra poco più di un mese (22-29 settembre 2013) verrà in Italia.
Ma, ahimé, va in crociera e io non ci posso andare! Uffi! 😦 😐

Fonti:
Discografia + Discography
Album da solista
Biografia
Soundtrack
Una raccolta pressoché completa delle sue canzoni