Felicità in cucina è…

La felicità in cucina per me è… il massimo risultato col minimo sforzo (e quando dico minimo, intendo davvero mi-ni-mo). Sono lenta nel fare le cose (in cucina), e mi sembra uno spreco di tempo cucinare per due ore o più, quando in dieci minutI scarsi le mie idrovore spazzolano i piatti! 😀

E allora, l’estate scorsa, avevo visto in un negozio qusto bicchierino con tanto di video accattivante:


Però, era finito dietro in uno stipetto e, come dicono gli inglesi, “out of sight, out of mind”.
Ieri sera, alle prese con le prima fragole della stagione (italiane, buonissime), m’è venuto in mente. Per la prima volta, ho messo meno di cinque minuti per preparare una bella ciotola piena! Lavare, tagliare il “cappello” e poi: zac! Zac! Zac! e in pochissimo le fragole erano pronte – da condire con zucchero e limone!

Annunci

Il mio nuovo migliore amico!

E per Natale: il regalo ideale per un/a cuoco/a pigro/a! Ed è anche facilissimo da pulire!
Ieri ho preparato un sugo al pomodoro che era la fine del mondo, in pratica senza fatica alcuna: la cipolla e la carota le ho fatte tritare nel frullatore e poi le ho messe a rosolare nella pentola con un po’ d’olio, e poi ho aggiunto la passata di pomodoro.
Un po’ di pepe e il sale iodato…. A mescolare, ci ha pensato il mio nuovo migliore amico!

Intanto Stirio è un prodotto norvegese(!), le due “lame” vanno bene per pentole del diametro 16-23 cm e 23-28 cm, l’altezza minima della pentola deve essere di 8,5 cm e la massima altezza utile è di 17,5, e ci sono due velocità tra cui scegliere.

Stirio_1.
.

Stirio_2

.
Per me l’unico difetto riscontrato è la rumorosità: per il resto è già diventato il mio migliore amico! Ma le istruzioni dicono che il rumore si attenuerà con l’uso…! 😀
Insomma, tocca darsi da fare in cucina… hmmm, potrei fare un risotto!
Alla crema di scampi! Casualmente uno dei miei piatti preferiti!
Al solo pensiero, mi viene già l’acquolina in bocca! Come soleva dire mia suocera, pace all’anima sua: “Potrei mangiare il riso anche in testa a un tignoso!”

Per saperne di più: www.kitcheninnovation.no

Supplizio (supplì).

Notoriamente una schiappa in cucina,
stasera mi sono azzardata, per la prima volta, a fare i supplì. Al telefono, ovviamente. Diciamo che all’Obitorio di Trastevere me li avrebbero tirati dietro, per la scarsa bellezza, ma la mozzarella filava al punto giusto e il sapore era più che buono!

Supplì

L’interprete!

Un’altra ottima prestazione della vs. interprete di fiducia
(lo so, chi si loda, s’imbroda, ma sono troppo contenta!);
il Consiglio Superiore della Magistratura non è roba di tutti i giorni! 😉

Certo, la giurisprudenza norvegese non è il mio campo preferito, ma…
aver letto Knoph e la sua introduzione al diritto norvegese prima aiuta!

Immagine

ps. La scrivania è riservata al Presidente della Repubblica.
(e scusate se la foto è sfocata, ero leggermente e comprensibilmente emozionata! Sono stati giorni intensi, belli, bellissimi, ma intensi.)

Buuuh!

Ma siamo impazziti?

No, leggo un articolo sul CorSera e ci rimango malissimo:
già il titolo è (per me) deprimente assai:

Fare la calza e scrivere cartoline? Mai più. Ecco le 20 abilità della vita moderna
e come sottotitolo rincara la dose:
La tecnologia cambia la vita: ecco cosa serve saper fare e le venti abilità inutili

Per loro, saper rammendare un calzino, lavorare a maglia, scrivere cartoline (andatelo a chiedere al mio amico Le♥nard♥ “esiliato in Sud-Africa, quanto gli ha fatto piacere ricevere la nostra cartolina quest’estate! e poi ne parleremo) e sapere a memoria il numero di telefono di amici e parenti (più che a memoria nel cervello, li “so” nelle dita, nel senso che li digito “in automatico”) sono attività considerate ormai talmente obsolete da risultare persino inutili, perché al giorno d’oggi, se vuoi davvero essere al passo coi tempi, devi saper connetterti al wifi (ok, lo fare), navigare sui social network (lo faccio), usare Google senza problemi (sono bravina), scaricare giochi e musica (sì, ma con moderazione), pagare alle casse self-service (Lo odio! Mi piace avere di fronte un altro essere umano!) e fare banking online (Lo faccio perché costretta dall’Agenzie delle Uscite).
Della serie, se non maneggi la tecnologia, di questi tempi rischi davvero di non andare da nessuna parte e non è solo un modo di dire, visto che anche usare Google Maps come le vecchie cartine stradali rientra nella top-20 delle abilità riconosciute come essenziali nel sondaggio condotto fra 2mila britannici dal sito kaz-type.com, che insegna le tecniche di dattilografia veloce. Non a caso, sono appena dieci le attività elencate in classifica che non hanno a che fare con la tecnologia, anche se ben quattro sono nella top-10, segno che imparare a cucinare (ecco, qui casca l’asino) e a far di conto (ovviamente con la calcolatrice) o conoscere i contenitori giusti della raccolta differenziata sono comunque giudicate importanti nella vita moderna.

L’elenco delle 20 abilità non più fondamentali? Eccolo qui:

La top-20 delle abilità che non è più fondamentale conoscere

1 – Rammendare
2 – Lavorare a maglia
3 – Lucidare l’argenteria
4 – Fare il pane fresco
5 – Montare una tenda
6 – Scrivere delle cartoline
7 – Cucire
8 – Conoscere a memoria i numeri di telefono degli amici
9 – Fare la manutenzione dell’auto da soli
10 – Comprendere libbre ed once
11 – Conoscere il galateo a tavola
12 – Scrivere lettere a mano
13 – Parlare una lingua straniera
14 – Conoscere le capitali del mondo
15 – Comprendere libbre e pollici
16 – Montare uno scaffale
17 – Organizzare un percorso in anticipo
18 – Saper cambiare uno pneumatico
19 – Avere una calligrafia chiara ed ordinata
20 – Saper fare lo spelling delle parole più lunghe

Ora, per la 3 ho risolto nel senso che non ce l’ho, l’argenteria, ma la so lucidare. Tranne la 9 per cui c’è il consorte e la 10 e la 15 su cui ho delle nozioni un po’ arrugginite, i restanti li padroneggio, alcuni meglio di altri (tipo la 13), ma tant’è!
Come sarebbe a dire che non serve la manualità? Io una persona che sia soltanto intelligente, ma non pratica, non riuscirei a stimarla (siete avvisati)!



mentre l’elenco delle 20 abilità ritenute fondamentali è qui:

La top-20 delle abilità essenziali
della vita moderna

1 – Andare su google
2 – Usare un telefono cellulare
3 – Collegarsi al wifi
4 – Fare banking online
5 – Imparare a cucinare
6 – Chiudere le condutture dell’acqua
7 – Sapere quale contenitore usare per la raccolta differenziata
8 – Sapere come fare il settaggio delle impostazioni della privacy online
9 – Usare la calcolatrice
10 – Usare una cassa self-service
11 – Cercare un annuncio di lavoro online e mandare la propria candidatura
12 – Usare google maps
13 – Installare un programma sul computer
14 – Saper usare il navigatore satellitare
15 – Saper digitare senza guardare la tastiera
16 – Riscaldare il cibo nel microonde
17 – Fare il checking-in online di un volo
18 – Caricare le foto
19 – Usare Facebook
20 – Cambiare le impostazioni del termostato

Allora, si sa che la 5 con me è una partita persa 😀
Nella 9 non vado oltre le operazioni base.
Per la 10 esprimo tutto l’odio possibile.
16: sì, anche se non ce l’ho, il forno a microonde.


Chissà cosa ne pensa il mio tredicenne?

La terrazza

Dopo due settimane fantastiche all’Elba…
StellaMarinaTiziano_320b

Finalmente un mese d’agosto a casa.
Grandi pulizie e manutenzioni: quest’anno un piccolo restyling alla terrazza:

Oltre al ripristino della guaina e riverniciatura dei muri (grande Tiziano!),
alcune piante nuove e intrecciatura delle medesime nelle griglie del pergolato,

30 metri quadrati ca. di travertino smerigliato & levigato;
prima mano con la carta vetrata 80, poi la 120, poi la 180
e per finire in bellezza: la 240 passata A  M A N O!!!

ps 1. mq reali: 30 (con 4 passaggi = 120). Percepiti: 300. Come minimo. 😛

ps 2. Almeno si lavora in costume e ci si abbronza. 🙂

ps 3. Però il lavoro manuale dà troppo tempo per pensare. 😦

MarmoPrima MarmoDurante MarmoDopo3295